LO YOGA E LA DANZA DEGLI ELEMENTI

Tutto quello che è qui è altrove, tutto quello che non è qui non è da nessuna parte”

Vishvasara Tantra

 

Per il Tantra , tutte le forme di energia dell’universo ed ogni suo atomo, sono presenti ovunque.

Se è vero che siamo un microcosmo Uomo-Donna che rispecchia un macrocosmo Universo, tutto ciò che il nostro corpo (fisico, mentale, emozionale) racchiude è composto dello stesso materiale dell’universo.

Siamo “figlie e figli delle stelle”, come recitava una famosa canzone degli anni ’80.

Terra, Acqua, Fuoco, Aria, Etere. Secondo la scienza ayurvedica questi sono i 5 elementi da cui il Tutto trae origine ,  presenti nel nostro corpo fisico nelle ossa, nei liquidi, nel respiro, nella vibrazione energetica e che , attraverso gli organi di percezione che li presiedono (olfatto, gusto, vista, tatto, udito , sensazione), ci portano in contatto con la sostanza dell’Universo , il macrocosmo che ci contiene e in cui ci riflettiamo.

Percepire gli elementi ed i loro sensi attraverso la pratica Yoga, con sequenze dedicate alla Terra, all’Acqua , al Fuoco, all’Aria e all’Etere, ci porta a comprendere quello che lo Yoga si propone, ossia, l’Unione (yug= unione) , la meraviglia di questa connessione con la Natura che ci circonda e di cui siamo parte. Partendo dal corpo fisico (annamaya kosha) , possiamo “sentire” gli elementi e trasportare le loro caratteristiche nel corpo energetico (pranamaya kosha), psichico (manomaya kosha) e mentale (vijnanamaya kosha), scoprendo cosa significa per noi “vivere” la stabilità della terra, la fluidità dell’acqua, la mobilità dell’aria, il calore del fuoco e lo spazio fuori e dentro di noi.

Imparare ad Essere il molteplice che dall’Uno origina, quella coscienza pura , strato causale di beatitudine che nel pensiero indiano si chiama anandamaya kosha.

In un momento storico come quello attuale, in cui sentiamo forte il richiamo alla preservazione e cura del patrimonio naturale, al rispetto per l’ambiente, per la Terra, vista come Madre e non come qualcosa che ci appartiene e di cui possiamo abusare all’infinito, una pratica yoga consapevole della nostra appartenenza non solo al genere umano ma all’Universo nel suo insieme, può aiutarci a rafforzare la nostra consapevolezza e presenza.

Il corpo è il nostro laboratorio , il luogo in cui possiamo combinare e mescolare gli elementi di cui siamo costituiti, ma è anche il tempio sacro della nostra manifestazione , il veicolo per la nostra evoluzione come esseri umani in armonia con la danza dell’universo.

Buona pratica degli elementi

 

 

 

Se vuoi suggerire integrazioni o per informazioni

puoi chiamarmi al numero 328 / 036 5354

oppure puoi scrivermi nel form qui accanto

*campi obbligatori