…Se è Yoga Fiorirà!❃

il mio blog, con news ed approfondimenti

Yoga per il Corpo e la Mente

migliora la tua vita con equilibrio e benessere

YOGAVINA

Giocando con la parola Yoga e il mio cognome,  ecco che è venuto fuori questo nome YOGavinA, che non vuol essere autoreferenziale ma espressione di un “sentire”.

La Gavina è una delle tante sottospecie di gabbiani. Larus Canus è il suo nome scientifico.
Vola tra il blu del cielo e del mare , tornando alla terra quando ha bisogno di cibarsi.
Come un gabbiano, mi sento immersa in queste dimensioni, cerco un equilibrio tra bisogno di libertà, di leggerezza e l’esigenza di tornare a terra, prendermi cura dei miei cari e del mio nido.

Sorvolare gli orizzonti e cercarli dentro me stessa

Lo yoga è divenuto a poco a poco la mia bussola, la stella polare ed insieme l’àncora che mi rende stabile, a cui aggrapparmi nei momenti felici e in quelli più difficili.
Lo yoga “mi contiene” e “mi circonda” , così come fa con il mio nome YOGavinA.

Tra le asana che prediligo ce ne è una in particolare, che si chiama appunto Paksinasana– la posizione del gabbiano,  proveniente dalla tradizione di una grande maestra di yoga – Gabriella Cella.
Restare in questa postura mi fa sentire come un gabbiano nel momento in cui sta per spiccare il volo, ancora in contatto con la terra, ma con le ali pronte a sorvolare il Cielo.

Il piccolo e anticonformista Gabbiano Jonathan riesce ad intravedere una nuova via da poter seguire, una via che allontana dalla banalità e dal vuoto del suo precedente stile di vita, e comprende che oltre che del cibo un gabbiano vive ” della luce e del calore del sole, vive del soffio del vento, delle onde spumeggianti del mare e della freschezza dell’aria.

dal libro “Il gabbiano Jonathan Livingston” di Richard Bach

 

SE E' YOGA FIORIRA'

Il mio Blog con approfondimenti e riflessioni dal mondo dello Yoga e della Meditazione
Yoga in spiaggia
Con gioia ed emozione … YOGA IN SPIAGGIA 15 giugno- 15 luglio LUNEDI’-MERCOLEDI’- VENERDI’ H: 06:00-07:30 STABILIMENTO LIDO AURORA V.LE DELLA RIVIERA , 2 – PESCARA CENTRO (vicino alla nave di Cascella)
CONTINUA "Yoga in spiaggia"
DANDASANA- LA POSIZIONE DEL BASTONE
In India, i samnyasin , i rinuncianti, portano tradizionalmente uno bastone (danda), indicando che si sono guadagnati il titolo di danda swami. Il bastone, dritto...
CONTINUA "DANDASANA- LA POSIZIONE DEL BASTONE"

I MIEI CORSI

LUNEDI’ e MERCOLEDI’ dalle 19:45 alle 21:15 

presso la COOPERATIVA LA COLMENA – VIA Marco Polo 67, PESCARA

 

Su richiesta, o alla formazione di piccoli gruppi:

Yoga in Gravidanza

Lezioni individuali di Hatha Yoga

Tecniche di respirazione

EVENTI

Workshop, lezioni all'aperto, festival e ad altri eventi

YOGA PER IL CORPO E LA MENTE

“Volgi il tuo occhio all’interno e scoprirai migliaia di regioni nel tuo cuore, vergini ancora. Viaggiale tutte e fatti esperto di cosmografia interiore”

Henry David Thoreau

Lo Yoga è una delle più antiche tradizioni a carattere evolutivo, create dall’uomo per l’uomo, per il suo benessere, la salute psicofisica, emozionale, mentale e spirituale.

E’ il più grande viaggio che possiamo compiere all’interno di noi stessi.

Il termine Yoga deriva dalla radice sanscrita “yuj-“ che significa “soggiogare”, “unire”. Si tratta dunque di una disciplina del corpo e della mente , ma anche di una “unificazione” spirituale, un riconoscimento della nostra natura profonda.

E’ una scienza antica , che non finge di essere semplice , facile e veloce, ma che si prende carico di quel fenomeno complesso che chiamiamo “essere umano”.

Nella parola Yoga si compendia quanto di più significativo ha saputo trasmetterci la tradizione spirituale indiana. In essa risiede la risposta a molti interrogativi esistenziali, che, da un punto di vista indiano , si riducono a un solo problema: quello della sofferenza insita nel divenire e il conseguente desiderio di liberazione dal transeunte.

Tanti i sentieri , una la meta. Ma soprattutto tanti i “viaggiatori”, per cui, già nell’antichità  lo yoga si è diviso in percorsi che esaltavano un aspetto in particolare :  Jnana (conoscenza), Bhakti (devozione), Karma (azione)e Raja (meditazione). A questi 4 sentieri, se ne sono aggiunti altri due l’Hatha Yoga e il Tantra Yoga , entrambi legati al concetto , vissuto, dell’unione tra energia maschile e femminile, attraverso pratiche di purificazione , posture del corpo, controllo del respiro , mudra, bandha, mantra, meditazione.

Nei secoli, nella stessa India, e poi ancora nel contatto tra India e Occidente, tale parola, Yoga, è diventata il contenitore di pratiche e tecniche tra le più disparate, ognuna delle quali ha cercato una propria legittimazione  facendo riferimento a scuole, tradizioni, testi e lignaggi derivanti da guru o maestri spirituali che li avevano fondati. Dai sentieri originali si è passati agli “stili”  in cui ognuno ha potuto mettere la propria firma.

Oggigiorno districarsi in questo labirinto è molto difficile. Tutto sembra essere Yoga. Lo yoga ha perso completamente o quasi, la ricerca più importante, quella spirituale, avventurandosi in proposte e varianti sempre più accattivanti, così da avvicinare un pubblico più vasto, uomini e donne che si definiscono “yogi e yogini”, senza conoscere il vero significato di questa parola.

Non essendo dunque possibile descrivere “cosa è lo Yoga”, prendo spunto da quanto il mio maestro Antonio Nuzzo (appunti dalla Formazione Insegnanti Yoga 2013-2017, Milano) un giorno scrisse:

“Lo yoga non è imparare a mettersi in equilibrio sulla testa
Ma apprendere a stare con i piedi ben piantati a terra
Lo yoga non è ricordare, anche se il ricordare ci consente di conoscere i contenuti della propria mente.
Lo yoga non è ragionare, anche se il ragionare correttamente consente di scoprire il cammino.
Lo yoga non è immaginare, anche se l’immaginare ci consente di conoscere l’emozione.
Lo yoga non è agire, anche se l’agire ci consente di sviluppare l’attenzione.
Lo yoga non è dormire anche se il rilassarsi è parte della via.
Lo yoga è imparare a non subire l’aggressione degli opposti.
Lo yoga è tendere verso l’immobilità del corpo.
Lo yoga è calmare l’agitazione del respiro.
Lo yoga è ridurre la dispersione mentale.
Lo yoga ci consente di conoscere l’altra faccia della vita!”

CONTATTI

LEZIONI:

LUNEDI’ e MERCOLEDI’ 19:45/21:15 

presso COOPERATIVA LA COLMENA – VIA Marco Polo 67, PESCARA

Per informazioni puoi chiamarmi al numero 328 / 036 5354

oppure puoi scrivermi nel form qui accanto

*campi obbligatori